Cattedrale di Sarzana
Cattedrale | S. Andrea | S. Girolamo | S. Croce | Museo diocesano | Casa natale di Papa Niccolò V
Palazzo vescovile | Parrocchie
oratorio - volontariato Vincenziano - asilo Maria Luisa - organismi parrocchiali - congregazione del Preziosissimo Sangue
biblioteca seminario e archivio capitolare - centro "Niccolò V" - cinema parrocchiale ITALIA - cappella musicale e Pueri Cantores
La Basilica

Nota storica
La pianta

IL PRESBITERIO

Il presbiterio si presenta, nelle forme attuali, come un rifacimento del primitivo, medievale, in forme barocche. Al Seicento risale il suo ampliamento, mentre la decorazione in stile rococò è del 1744. Al centro del presbiterio, il marmoreo altar maggiore, realizzato da Isidoro Baratta di Carrara nel 1682 è ridotto attualmente alla sola mensa con paliotto, sorretta da due graziosi putti, in adattamento alle nuove norme liturgiche.
G.A. Cibei: Gloria dell'Assunta Sulla parete di fondo spicca, al centro di una ghirlanda marmorea di angeli festanti, realizzata nel Settecento da Giovanni Antonio Cibei da Carrara, una formella raffigurante l'Assunta copia di quella marmorea ora ricollocata nella posizione originale nella pala di Leonardo Riccomanni di Pietrasanta, nella cappella del braccio destro del transetto, da cui era stata trasferita nel presbiterio nel secolo XVII. Dietro l'altare si trova un coro ligneo di fattura piuttosto austera.
Alle pareti, quattro tele. Entrando, due lavori del XIX secolo: a destra, il Martirio di Sant'Eutichiano, opera del sarzanese Camillo Pucci, e a sinistra l'incoronazione di Federico III da parte del Pontefice Niccolò V, opera di Luigi Belletti.
Nella parte retrostante, altri due pregevoli dipinti: sulla sinistra una grande tela seicentesca raffigurante l'Annunciazione, del pittore genovese Giovan Battista Paggi (1554-1627), realizzata originariamente per ricoprire l'organo della cattedrale, e a destra una splendida tela del pittore napoletano Francesco Solimena, detto "l'abate Ciccio" (1657-1747), raffigurante i Santi Clemente Papa, Filippo Neri, Lorenzo e Lazzaro che adorano il volto di Cristo.
L'opera venne commissionata all'artista dal cardinale Filippo Casoni per proteggere il crocifisso di Maestro Guglielmo (di cui era visibile il volto nell'ovale centrale). Probabilmente eseguita a Napoli, appare come una delle opere migliori del Solimena, specie per il brillante uso dei colori.


Foto: G.A. Cibei: Gloria dell'Assunta

Valid HTML 4.01 Transitional Valid HTML 4.01 Transitional © 2007-2016